Swipe to the left

Giochi per bimbi di 6-9 mesi: educare giocando

Giochi per bimbi di 6-9 mesi: educare giocando
By D D 8 mesi fa 3721 Visualizzazioni Nessun commento

Il gioco è uno strumento indispensabile di crescita e formazione per un bebè. Già dalle prime settimane di vita, il neonato reagisce agli stimoli esterni. Per lui ogni giorno è una nuova scoperta e una nuova conquista nel percorso di crescita. Ed è soprattutto giocando che il nostro bimbo imparerà a conoscere se stesso e il mondo fisico che lo circonda. Non è solo un modo per divertirsi, ma anche per stimolare fantasia e creatività e imparare a sviluppare i sensi e le capacità motorie. Per questo motivo oggi ti proponiamo tanti giochi per bimbi di 6-9 mesi che ti aiuteranno ad intrattenerlo in modo educativo.

La sua graduale acquisizione di nuove capacità e competenze passa anche attraverso la relazione con l’adulto. Nei primi mesi di vita il gioco è soprattutto condivisione. Per questo è importante proporre attività anche ai bimbi piccolissimi perché il gioco, anche il più semplice, può insegnare al bambino come relazionarsi con gli altri e come comportarsi.

Attraverso il gioco il bambino impara a:

Scoprire e testare le sue capacità;

Relazionarsi con sé stesso e gli altri;

Conoscere ed esplorare cause ed effetti;

Accettare le sconfitte e ad affrontare le paure;

Conoscere e rispettare i valori della famiglia e le regole della società.

Non esiste una ricetta unica da seguire nella scelta dei giochi più adatti per un bebé. Giocare è prima di tutto un’attività di svago per i bambini, ma può essere anche un importante strumento educativo.

È importante per i genitori, e per gli adulti in generale, imparare a giocare coi propri bimbi in maniera corretta, scegliendo attività che siano fonti di stimoli, che aiutino il bimbo a rafforzare la sua autostima e la sua capacità decisionale, e allo stesso tempo gli diano la possibilità di sperimentare rispettando, però, la sua età e le sue naturali tappe di crescita. Per questo, nella scelta dei giochi per bambini è bene tener conto di alcuni punti fondamentali:

Ogni età ha le proprie attività ludiche;

Non forzare bisogna il bambino con giochi non adatti alle sue capacità cognitive e sensoriali;

Rendere ogni gioco istruttivo;

Coinvolgere il bambino nella scelta del gioco;

Ascoltare le esigenze del bambino, senza imporre la visione rigida “da adulti”;

Insegnare che le regole sono importanti, ma che ci sono anche le eccezioni.

Da zero a tre mesi:

Nei primi mesi di vita del neonato vanno scelti giochi che gli offrano stimoli come luci, colori e forme. Un grande classico è la giostrina da culla a cui sono appese api, aeroplanini, pesciolini, e tutta una serie di figure che si muovono al ritmo musicale e stimolano il bambino alla presa e al coordinamento.

Intorno ai 4 e 5 mesi ormai il bimbo riesce a muoversi con maggiore forza. A questa età sono molto utili la palestrina, per rafforzare ossa e muscoli, e i tappeti morbidi da stendere sul pavimento, su cui il bambino deve essere libero di muoversi afferrando tutto ciò che vuole.

Giochi adatti ai bimbi di 6 mesi

A sei mesi i bambini cominciano ad essere più autonomi ed interattivi. A questa età di solito il neonato è già in grado di stare seduto da solo ed è più consapevole nelle sue attività di esplorazione dello spazio che lo circonda.

I suoi movimenti diventano sempre più precisi e coordinati, la sua attenzione si sposterà anche su oggetti molto piccoli. A questa età i giochi sono spesso afferrati per essere buttati a terra che per giocarci. Anche questo serve a creare consapevolezza del mondo che lo circonda.

Palestrina elettronica. Tappetini gioco interattivi e palestrine multifunzione offrono al neonato esperienze multisensoriali che permettono al bimbo di imparare a coordinare i suoi movimenti.

Giochi da dentizione. Il fastidio e il dolore delle punte dei dentini che iniziano a crescere, tipico di questa età, si può alleviare con appositi giochi, in plastica o in morbida gomma non tossica. Questi giochi sono adatti anche allo stimolo naturale di portare oggetti alla bocca.

Piramide impilabile. La torre degli anelli impilabili sviluppa le capacità percettive dei bambini attraverso la manipolazione. Cercando in infilare gli anelli colorati nel fulcro centrale il vostro bambino potrà affinare la sua coordinazione mano-occhio ed essere padrone dello spazio circostante.

Trottola. La trottola per bimbi della Chicco è tra grandi classici dei giochi educativi per i più piccoli. Insegna a comprendere le relazioni causa-effetto.

Palla. Una palla colorata in morbido tessuto con sonaglino interno può essere un gioco molto divertente a stimolare tatto e vista del nostro bambino.


Giochi per bimbi di 9 mesi

A 9 mesi il bambino è sempre più autonomo e le sue capacità motorie sono ben sviluppate. A questa età il neonato potrebbe già essere in grado di tirarsi su in piedi da solo aggrappandosi ai mobili che lo circondano. In questa fase della crescita, a colpire l’attenzione dei bambini sono soprattutto giochi interattivi che riescono a dare libero sfogo alla sua immaginazione e alla sua curiosità.


Giochi primi passi: per aiutare i bambini a compiere i loro primi passi nel mondo divertendosi.

Telefono: un telefono giocattolo per replicare il più classico “gioco del telefono” con tasti colorati e tanti effetti sonori e luminosi.

Peluche: un morbido e tenero peluche interattivo che parla e canta è un ottimo compagno di giochi per ogni bambino e lo aiuta a sviluppare la manualità e la percezione sensoriale.

Libri: sugli animali magari, pieni di disegni colorati, meglio ancora se tattili (con parti di diverse consistenze per stimolare il tatto del bambino) e sonori.

Giochi musicali: come pianola, chitarra, tamburello o xilofono. Giocando con i tasti colorati il bambino potrà imparare il rapporto causa/effetto e quanto può essere divertente picchiare le manine sui tasti generando allegre e divertenti composizioni musicali.

Il tuo bambino ha tra i 6 e i 9 mesi? Scopri sul nostro negozio online tutte le possibilità che avete insieme di giocare e divertivi, aiutandolo nel suo percorso di crescita.