Swipe to the left
Categoria: I giochi all'aperto

Andare in bicicletta aiuta i bambini a crescere meglio!

Andare in bicicletta aiuta i bambini a crescere meglio!
By Mazzeo 7 mesi fa 1039 Visualizzazioni Nessun commento

Arriva l’estate e non c’è niente di più divertente per i bambini che fare delle lunghe corse in bicicletta.

L’estate infatti è proprio il momento ideale per insegnare ai propri bambini ad andare in bici o a togliere le rotelle. E’ molto importante, da un punto di vista psicologico, incoraggiare i bambini ad andare in bici e a provare, per esempio lanciandogli una sfida per vedere quanta strada fanno senza spingere la bici nella fase iniziale dell’apprendimento.

Quando si insegna a un bambino ad andare in bici bisogna evitare di sostenere il bambino dalla sella o fargli vedere la propria delusione quando non riesce, bisogna lasciargli il tempo di assimilare le informazioni e di sperimentare. Un'altra accortezza è quella di non fargli indossare i pantaloncini corti, perché almeno una caduta è probabile e quindi meglio evitare che si faccia male o che si spaventi per un ginocchio sbucciato. Non bisogna tuttavia trasmettere troppe ansie ai propri figli, e far apparire la bicicletta come un mezzo pericoloso. La cosa migliora da fare è quindi portarli in un luogo che abbia spazi ampi e senza ostacoli, facendogli indossare sempre il casco di sicurezza.

Ma quali sono i benefici della bici per il copro e per la mente? Da un punto di vista fisico la bicicletta è un mezzo di trasporto che consente ai bambini di fare un'attività fisica salutare e ai genitori di insegnare loro l'ecologia e il rispetto per l'ambiente. Le lunghe passeggiate in bicicletta aiutano i ragazzi a crescere tenendo una postura corretta e sviluppando prontezza di riflessi e senso dell’equilibrio. Dal punto di vista psicologico è uno sport che regala autonomia e accresce l'autostima e il senso di responsabilità, in quanto la bici per il bambino rappresenta a tutti gli effetti il primo mezzo di trasporto che può guidare da solo. Inoltre, grazie alle uscite con i genitori, si imparano le prime regole della strada. Pedalare è un’attività che non affatica le articolazioni, molto delicate durante la crescita e che rafforza il sistema immunitario e cardio-vascolare sviluppando nel tempo una buona capacità respiratoria. L’alternativa di pianure, salite e discese è infatti un ottimo allenamento. E soprattutto in questo modo i bimbi imparano ad affrontare le prime sfide e a non mollare, in poche parole crescono meglio! Qualità che ogni ciclista esperto conosce molto bene: mai mollare, nemmeno nei momenti più duri e vedere sempre il lato positivo, di qualsiasi situazione. L’impegno fisico, al quale la bici avvicina, aiuta il bimbo ad avere una maggiore consapevolezza di sé, delle sue capacità, creando in lui un senso di responsabilità e autostima data dalla maggiore autonomia.

Ma quando si inizia a pedalare? Dai tre anni è possibile cominciare con la bici con le rotelle. Col passare del tempo, quando il bambino avrà acquisito una maggiore esperienza sarà possibile togliere le rotelle e lasciarlo libero di andare e divertirsi! Bisogna sempre ricordare che una bicicletta della misura sbagliata non solo è poco efficiente e lenta, ma può anche causare degli infortuni da movimenti ripetitivi e impedirti un controllo ottimale.

Come si fa quindi a scegliere la misura giusta della bicicletta? Questa guida può aiutare a capirlo meglio:

  • Bambini 2/3 anni altezza da 80 a 100 cm si consiglia la misura 12″
  • Bambini 4/5 anni altezza da 95 a 115 cm si consiglia la misura 16″
  • Bambini da 6/8 anni altezza da 115 a 130 cm si consiglia la misura 20″
  • Bambini da 8/11 anni altezza da 130 a 145 cm si consiglia la misura 24”
  • Oltre i 145 cm di altezza si consiglia una bicicletta da adulto 26” taglia “small”

Se l’altezza è a cavallo tra due misure si consiglia di prendere sempre la misura più grande. Avete fatto le vostre valutazione, che il divertimento quindi abbia inizio!